Anche il Comune di Mondolfo cogestirà un canile comprensoriale

Anche il Comune di Mondolfo cogestirà un canile comprensoriale

Approvato all’unanimità dal Consiglio comunale lo schema di convenzione che permetterà di garantire la custodia, il ricovero, il mantenimento e la cura dei cani randagi

MONDOLFO – Con la delibera di lunedì (27 dicembre), in Consiglio comunale, è stato approvato all’unanimità lo schema di convenzione con la Comunità Montana dell’Alto e Medio Metauro per la gestione in forma associata, in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge Regionale del 20 gennaio 1997, n. 10 “Norme in materia di animali da affezione e prevenzione del randagismo”.

La struttura individuata è quella comprensoriale di Ca’ Lucio nel Comune di Urbino, affidata in comodato all’associazione di volontariato “Amici di Pluto e Silvestro”, che si occupa della custodia dei randagi catturati nei Comuni del territorio.

La convenzione avrà validità fino al 31/12/2025 e sarà rinnovabile per un ulteriore periodo previa adozione di appositi atti deliberativi.

La struttura consta di un canile sanitario e di un rifugio. Nel primo vengono eseguiti i controlli sulle condizioni di salute, sul microchip e sulle vaccinazioni necessarie. Successivamente gli animali vengono trasferiti al Rifugio.

Le attività connesse alla gestione della struttura, a fronte di una quota fissa che le amministrazioni associate si impegnano a pagare, permettono di mettere in atto in modo tempestivo gli interventi di manutenzione ordinaria e di pulizia necessari all’utilizzo dei locali.

La convenzione disciplina, altresì, ogni altra operazione utile a garantire la cura, la sorveglianza, la custodia, la pulizia periodica ed il benessere degli animali ospitati compresa la somministrazione di eventuali medicinali prescritti dal personale messo a disposizione dall’Asur, per garantire una costante assistenza veterinaria. Prevede che l’alimentazione degli animali presenti, sia somministrata con mangimi ad adeguato apporto nutritivo, o con particolari diete appositamente individuate nel corso di degenze post – operatorie, di obesità, allergie, ecc., su indicazione del personale veterinario incaricato.

Infine, la struttura, tramite l’associazione di volontariato “Amici di Pluto e Silvestro”, promuove la ricerca di persone affidabili a cui proporre l’adozione dei cani custoditi nel canile – rifugio di Ca’ Lucio, anche mediante la divulgazione di apposito materiale informativo e campagne promozionali, occupandosi anche dell’espletamento di tutte le pratiche necessarie previste dal D.M. del 14/10/1996 (Norme in materia di affidamento dei cani randagi) nella consapevolezza che un canile – rifugio dovrebbe pur sempre rappresentare una fase transitoria nella vita dell’animale.

Soddisfatta la Consigliera comunale con delega ai Diritti degli Animali Elisa Franceschini: “Con questa delibera, approvata nello scorso Consiglio comunale, anche il nostro Comune potrà avvalersi di una struttura adeguata per dare una casa temporanea agli animali randagi, nell’attesa che si riesca a darli in adozione a persone veramente interessate e affidabili”.

 

QM – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quimarotta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: