A Mondolfo si arricchisce di nuove opere il progetto di arte urbana Galleria senza soffitto

A Mondolfo si arricchisce di nuove opere il progetto di arte urbana Galleria senza soffitto

MONDOLFO – Con il progetto Mondolfo Galleria senza soffitto – con la direzione artistica di Filippo Sorcinelli e a cura dell’Associazione PAM – Pro Arte Mondolfo e in collaborazione con l’Amministrazione Comunale – il centro storico di Mondolfo a partire dall’agosto 2020 è diventato un museo open air da fruire ogni giorno dell’anno e ogni momento della giornata.

Un vero e proprio successo di pubblico con oltre 48mila presenze in un anno che da tutte le regioni si è recato a visitare questo concept unico in Italia. Sì, perché Mondolfo è l’unico borgo al mondo in cui per le vie del paese sono installate cinque fotografie stampate in grandi dimensioni del maestro della fotografia Mario Giacomelli, che raccontò nei suoi scatti proprio quei luoghi e la campagna marchigiana. Altre opere di Giacomelli saranno aggiunte al percorso nelle prossime settimane.

Ad affiancare le fotografie un circuito tematico con opere di street art che hanno “invaso” spazi e edifici pubblici, strade, muri e marciapiedi con nomi di punta del panorama italiano e internazionale della street art, artisti locali e non solo. Infatti grazie alla collaborazione con l’Istituto Comprensivo statale E. Fermi di Mondolfo, sono stati convolti i ragazzi proprio nella realizzazione di una nuova opera I tuoi occhi raccontano…: un muro rosso e le foto degli occhi di tante persone, un modo per dare una nuova chiave di lettura agli studenti su come affrontare questo periodo storico, a distanza di sicurezza, ma emotivamente vicini e per ricostruire le trame socio-relazionali della comunità scolastica. Le altre due nuove opere invece sono degli artisti Jody Pinge e Simone Travaglini.

Il primo ha realizzato il suo intervento su un muro della Scuola dell’Infanzia Aquilone, ha intitolato la sua opera Leggerezza e ha ritratto una bambina dai cui capelli nascono pianeti: la leggerezza dei pensieri che hanno i bambini, ispirandosi a ciò che diceva Italo Calvino “Prendete la vita con leggerezza, ché leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Strettamente legato alla storia di Mondolfo è invece l’intervento di Simone Travaglini, in arte Travart, che ha trasposto su muro un’opera di Giancarlo Pucci, professore di disegno geometrico e artista visionario. Quello stesso muro in cui a pochi passi abita Mezzafaccia, che è anche il titolo del murales.

Così hanno sempre chiamato Netta nel borgo, per una malattia che colpì il suo viso per metà e che la portò a coprirsi sempre quella parte del volto: un tributo a lei e a tutti coloro che vivono e hanno vissuto per quei vicoli del centro storico.

Mondolfo Galleria senza soffitto è un progetto di arte urbana permanente e uno spazio espositivo outdoor in costante evoluzione che vuole far dialogare la storia culturale e sociale della città con diverse forme di arte contemporanea. L’obiettivo è quello di offrire non solo agli amanti dell’arte, ma anche ai cittadini, turisti e soprattutto ai giovani la possibilità di avvicinarsi a questa in una modalità di fruizione sicuramente insolita, ma che scatena i sensi e le emozioni, attraversando le vie e le piazze di Mondolfo e incontrando una “sorpresa artistica” dietro l’altra.

 

QM – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quimarotta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: