Ceccarelli: “La Casa della comunità a Mondolfo? Merito di chi ha sempre lottato”

Ceccarelli: “La Casa della comunità a Mondolfo? Merito di chi ha sempre lottato”

“Pensiamo che Mondolfo possa realmente diventare una vera e propria “cittadella della salute”, ne ha le potenzialità a patto che l’Amministrazione comunale si adoperi realmente per raggiungere questo risultato”

di DANIELE CECCARELLI*

MONDOLFO – Certo il traguardo raggiunto dalla struttura ex-ospedale Bartolini di Mondolfo inserita, con delibera di Giunta regionale n. 114 del 14.02.2022, tra le ventinove Case della Comunità marchigiane é un vanto.

Ma é grazie a tutti quei mondolfesi, più volte capeggiati da Mirella Caronti e Dario Bellagamba, che nel corso degli anni, soprattutto dal giugno 1978 data della fusione dei due enti ospedalieri di Fano e Mondolfo, non hanno mai smesso di lottare per essa fino all’inaugurazione della Residenza Sanitaria Assistenziale di 16 posti letto nel febbraio 2016, artefice la dottoressa Maria Capalbo, allora direttore generale di Area Vasta n. 1.
Il sindaco attuale fa bene a vantarsene ma la storia del Bartolini non è nata con lui, anzi dovrebbe spiegare ai cittadini:
1. perché nel piano delle opere pubbliche, recentemente approvato dalla Giunta comunale per il triennio 2022-2024, non ci sia nulla che riguardi l’accesso facilitato al Bartolini, come migliorare la viabilità od i parcheggi?
2. perché nel piano regionale che ha individuato il Bartolini come Casa della Comunità (la quale é luogo specifico di posti letto per cure intermedie, Hospice, riabilitazione e mantenimento funzionale) non ci sia stato inserito il progetto, approvato sempre dalla Giunta comunale in data 21.04.2021, per la semi-residenzialità degli affetti dal morbo di Alzheimer ?
3. perché nel riparto dei fondi regionali destinati alle strutture territoriali il 17 gennaio, prima bozza, Mondolfo risultava destinatario di € 600.000, mentre Fossombrone per la sua struttura di € 500.000, poi stranamente il 14 febbraio a Mondolfo risultavano destinati € 400.000, ed a Fossombrone. € 700.000?
Dopo l’odierna, 24.02.2022, risoluzione approvata all’unanimità in Consiglio regionale che impegna la giunta ad implementare nuove case della comunità ogni 20.000 abitanti ed un ospedale di comunità ogni 50.000 abitanti Mondolfo ha tutti i titoli per ospitare anche un “ospedale di comunità”, da parte nostra pensiamo che Mondolfo possa realmente diventare una vera e propria “cittadella della salute”, ne ha le potenzialità a patto che l’Amministrazione comunale si adoperi realmente per raggiungere questo risultato.
*Componente del Comitato per la salute pubblica di Mondolfo

QM – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quimarotta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: